acino

 

L'ACINO

Dino Briglio ha fondato L'Acino nel 2006 con due amici d'infanzia che avevano in comune la voglia e la passione di far scoprire a tutti la Calabria enologica ormai quasi scomparsa. 

Quando il progetto è iniziato, i tre amici lavoravano a tempo pieno in campi non collegati: Antonello era un regista, Dino uno storico ed Emilio un avvocato. Sebbene non avessero esperienza nella viticoltura o nella vinificazione, il loro amore per il vino era sufficiente per dare vita a questa avventura. E la passione del trio per i vini naturali ha significato focalizzare la loro attenzione sulla viticoltura biologica e sulla vinificazione con interventi minimi.

Dopo un anno di ricerca in lungo e in largo per un piccolo vigneto, gli amici hanno trovato un ettaro di uva bianca autoctona Mantonico. Acquistato da un vecchio contadino che riteneva la terra troppo dura da lavorare. Questo pittoresco vigneto si trova proprio al confine del Parco del Pollino, il più grande parco naturale d'Italia. Poco dopo, i ragazzi sono stati in grado di acquistare una parcella vicina di 1,5 ettari di uva rossa locale Magliocco. Durante la conversione di entrambe le parcelle in biologico, hanno prodotto i loro primi vini nel 2007, un bianco chiamato Mantonicoz e un rosso chiamato Tocco Magliocco. A 650 metri di altitudine ed esposti a nord, entrambi questi siti sono particolarmente freschi, fornendo uno stile più leggero ed elegante di quanto la maggior parte si aspetterebbe dal vino calabrese.

Il passo successivo è stato vedere qualcosa fin dall'inizio, e così è iniziata una nuova ricerca per un terroir adatto che non fosse mai stato piantato nelle viti. Anche questo ha richiesto circa un anno, ma ha portato alla scoperta di uno splendido coteau sabbioso che i ragazzi hanno piantato a Magliocco e Mantonico da selezione massale, insieme a Guarnaccia Nera e Bianca, Pecorello e Greco, in gran parte in franc de pied. Piantate nel 2007, queste giovani viti producono i due vini base della cantina, entrambi chiamati Chora e entrambi estremamente divertenti, vivaci e sorprendentemente leggeri.

Dino, oggi l’unico rimasto alla guida dell'Acino dal 2016, lavora dieci ettari di vigneto e ne affitta cinque (per lo più di vigne più vecchie). Tutti i vigneti si trovano tra i 400 ei 650 metri di altitudine. Sebbene non abbia mai studiato viticoltura o enologia, è figlio e nipote di agricoltori e il lavoro si è rivelato istintivo. E mentre la produzione non si è discostata per molti anni dai quattro storici vini dell'azienda, ha iniziato a sperimentare e rilasciare nuove cuvée nel 2016 con Giramondo, una Malvasia macerata.

I vini fermentano con i loro lieviti naturali, per lo più in tini di acciaio inossidabile, anche se una piccola quantità di vecchio rovere francese viene utilizzato per le migliori uve delle vigne più vecchie. Le vinificazioni avvengono senza aggiunte o ritiri, salvo una piccola quantità di solforosa all'imbottigliamento. I bianchi in particolare sono selvaggiamente originali e avvincenti, mentre i rossi sono una gioia pura e bevibile.

I Vini di L'Acino